ANCIEN RÉGIME
(antico regime). Insieme degli istituti giuridici, politici e sociali contro i quali si rivolse la rivoluzione francese, quindi il governo e la società francesi nei cento anni che precedettero la rivoluzione: in senso più ampio, l'epoca della storia europea compresa tra il XVI e il XVIII secolo e, per alcuni paesi, anche oltre, fin quando non vi si affermarono istituzioni e forme sociali e politiche "moderne", in cui trionfarono i concetti di nazione, costituzione, sovranità popolare, eguaglianza, diritti dell'uomo e del cittadino. L'ancien régime caratterizzò la società francese con le istituzioni centrate sulla figura del sovrano, vertice e personificazione di una monarchia ereditaria di diritto divino (vedi assolutismo), con la struttura aristocratica (società di ordini) e con l'economia ancora prevalentemente legata alla terra e a forme produttive di tipo tradizionale. In particolare, esso era contraddistinto da un insieme di rapporti sociali e giuridici tali da configurare situazioni di privilegio e di diseguaglianza ereditarie e da consolidare le gerarchie esistenti. Fanno parte di questo contesto sia le vestigia del regime feudale (quali le servitù personali, la manomorta, il maggiorasco, i diritti signorili, le rendite feudali, le forme di giustizia signorile, istituti che furono formalmente distrutti dai decreti promulgati dall'Assemblea costituente il 4 agosto 1789), sia un sistema fiscale basato sul privilegio e sulle esenzioni a favore della nobiltà e del clero. Tipici dell'antico regime furono inoltre alcune pratiche amministrative come la venalità e l'ereditarietà di molti uffici finanziari e giudiziari e l'esistenza di privilegi a favore di particolari gruppi sociali: le corporazioni e le istituzioni accademiche nelle arti, nei mestieri e nella cultura, con l'insieme di vincoli, di regole, di franchigie e di norme da esse amministrate (all'abolizione di tutte le istituzioni che ostacolano la libertà e l'uguaglianza dei diritti era dedicato il preambolo della Costituzione approvata dall'Assemblea nazionale nel settembre 1791). In generale, l'antico regime fece sedimentare comportamenti sociali ed etici che spesso, soprattutto nelle campagne, sopravvissero anche dopo la caduta delle sue istituzioni e forme esteriori.

G. Abbattista


H. Méthivier, L'ancien régime, Presses Universitaires de France, Parigi 1961; P. Goubert, L'ancien régime. La société. Les pouvoirs, Armand Colin, Parigi 1973; W. Doyle, Europa del vecchio ordine, Laterza, Bari 1987; A. Soboul, La società francese nella seconda metà del Settecento, Giannini, Napoli 1971; L. Guerci, L'Europa del Settecento, Utet, Torino 1988.